Microsoft’s new Surface Book and 13″ Retina MacBook Pro: two faces of the same medal

Hera_Hero_02

Something that Apple does great is designing software and hardware to work together. It’s a well known fact that finds proof every now and then like in the iPhone 6s that, although it has less powerful hardware on paper compared to other recent smartphone, it delivers much sleeker performance.

The MacBook Pro lineup received a dramatic update back in 2012 with the 15″ Retina MacBook Pro: soon after the 13″ model was fitted with a Retina display, becoming one of the most notorious Macs around. Notebooks of the same class actually had to compete with a formidable opponent. These notebooks had the disadvantage of running all the same OS and none of them was truly optimized like the MacBook.

Credits due where they’re due, Microsoft made quite an impressive job in releasing their first ever notebook that ships with their newest operative system Windows 10, and it seems to give a run for the money to the 13″ MacBook Pro.

In some ways, the Surface Book and the Retina MacBook Pro 13″ share many things. Both are powered by lightning fast SSD storage, that can go between 128GB up to 1TB and either 8 or 16GB of DDR3 memory. Depending on the configuration, you can get a dual core i5 or i7 processor: even if the Surface runs on Intel’s newest Skylake architecture, it won’t be long until Apple updates its notebooks from Haswell, as it did with the iMac lineup. While the MacBook has a 720p front facing camera, the Surface has a 5 MP camera as well as a rear 8 MP camera with 1080p video recording. Both have an extremely detailed display. The Surface Book drives a PixelSense 13.5″ display at a resolution of 3000×2000 (3:2 aspect ratio) at 267 ppi density, while the MacBook has a 13,3″ Retina Display at 2560×1600 resolution (16:10 aspect ratio) at 227 ppi.

Hera_Hero_01

However the MacBook is a pure laptop with a unibody aluminium case and a glowing Apple on top of the clamshell. The Surface Book is a laptop and a tablet at the same time; it’s made of magnesium which is stronger than aluminium alone. The Muscle Wire Lock designed by Microsoft lets you detach the multi-touch capable display from the lower keyboard and use it as a fully fledged tablet with the Surface Pen, a stylus made just for it that’s perfect for drawing and interact with the Book. The MacBook Pro on the other side is fitted with a Force Touch trackpad that allows different kinds of pressures and fully clickable area that is a joy to use. Otherwise you can keep it traditional and, if equipped, tap in the power of a discrete NVIDIA GeForce GPU with 1 GB GDDR5 memory.Hera_Canvas_03

The latter deserves a bit of talk. The MacBook Pro doesn’t have a dedicated GPU at all, but relies on Intel Iris 6100 graphics that’s integrated in the processor. While it’s okay for running OpenCL apps, heavily used in OS X, it’s nothing special really. The entry level Surface Book also comes with an integrated chip, but more expensive variants are equipped with a rather good discrete NVIDIA graphics card.

It should be noted that OS X has only OpenGL as graphics API (most recently Metal), while Microsoft supports OpenGL and DirectX, which tends to have better performance than the former. Microsoft claims that the Surface Book is twice as fast as the 13″ MacBook Pro: while this is not quite true when it comes to some CPU tasks, according to PCWorld benchmarks, in graphics intensive tasks the NVIDIA dGPU is leaps and bounds ahead that leaves the Iris well behind. At the same preset in Tomb Raider (2013), available both for OS X and Windows, the Surface Book scored 74 FPS compared to the mere 24 FPS of the MacBook Pro on which was barely playable at all. Full disclosure, the game has been written to use DirectX and later it has been ported by Feral Interactive for the Mac, so even if they had the exact same hardware Windows would have always scored a little bit better. Still, 50 FPS are a gap that can’t be attributed to software optimization alone.

Hera_Hero_03

Those of you who have a good memory will remember the Get a Mac campaign that ran between 2006 and 2009, which pitted the personification of a PC and Mac that highlighted the perks of Apple’s platform. The Surface Book wants to make a mark, and Microsoft designed a special website Making the switch: MacBook to Microsoft Surface Book. A powered-on Surface contrasts with a turned-off, closing MacBook Air with a twist: it’s the 2008 first ever model, as you can clearly see the buttons on the trackpad, the lateral door that housed the I/O connections and the hinge that holds together the clamshell. It’s the Mac that Steve Jobs claimed as a revolutionary step forward in the laptop industry. You can see quite a dramatic intentional generation gap between the two. In there you can read a comprehensive guide on how to find your way around after making the switch: getting Started with Windows 10, keyboard shortcuts, moving your data and even how to connect an iPhone, use iTunes and stay in sync with iCloud with ease. Quite a smart move from Microsoft gotta say.

What about pricing? The 13″ Retina MacBook Pro starts at 1,299$ while the Surface Book starts at 1,499$. At equal configurations, the Surface is slightly more expensive, topping 1 TB PCIe flash storage, Core i7, 16 GB of RAM and the dGPU from NVIDIA at 3,199$, while the MacBook Pro can go up to 2,699$. It doesn’t have such a powerful graphics chip, but it should be noted that even though it has an Intel Iris, the Surface relies on a slower Intel HD Graphics either when the dGPU is not being used, should you have a Surface equipped with one in the first place.

Choosing of them isn’t easy. Other than choosing the preferred operative system, you’d have to account several aspects that are not easily quantifiable for a direct confrontation. It must be highlighted though that the Retina MacBook Pro, at entry level prices, actually packs superior hardware and it’s scheduled for an yearly update in early 2016. Unless you have specific software needs, you wouldn’t wan to get an entry level Surface Book without the dGPU: the price difference can become quite considerable if you take that away and the form factor alone hardly justifies the purchase of such machine. It’s when it is equipped with NVIDIA graphics that things get interesting.


In Italiano

Uno dei punti di forza di Apple è disegnare software e hardware assieme. È un fatto ben noto che trova conferma in ogni dove, più di recente nell’iPhone 6s che, nonostante abbia specifiche hardware inferiori ad alcuni smartphone più recenti, offre delle prestazioni ben superiori.

La linea di MacBook Pro ha ricevuto un notevole aggiornamento nel 2012 con il lancio del MacBook Pro 15” con Display Retina: poco dopo anche il 13” è stato dotato di uno schermo Retina, diventando uno dei portatili Mac più venduti. I notebook della stessa categoria dovevano competere con un avversario formidabile. Nessuno di quelli era ottimizzato per il proprio sistema operativo come OS X lo era per il Mac, rappresentando un grande svantaggio.

A detta di ciò, tanto di capello a Microsoft che ha fatto un lavoro impressionante nel rilasciare il loro primo portatile con il loro sistema operativo, Windows 10, che sembra dare una bella scossa al Retina MacBook Pro 13”.

Per certi versi il Surface Book e il Pro sono simili. Entrambi sono dotati di unità flash che può andare dai 128GB a 1TB di spazio d’archiviazione e tra 8GB e 16GB di memoria DDR3. In base alla configurazione potete mettere le mani su un processore dual-core i5 o i7: anche se il Surface gira sull’ultima generazione di CPU Intel Skylake, non passerà molto tempo prima che Apple aggiorni la sua linea di Mac dagli Haswell, come ha appena fatto per gli iMac. Mentre il MacBook Pro ha una videocamera frontale FaceTime da 720p, il Surface Book ne ha sia una da 5 MP frontale, sia una da 8 MP posteriore con registrazione a 1080p. Entrambi possiedono due schermi estremamente definiti: il Book ha un display PixelSense 13.5” da 3000×2000 (rapporto d’aspetto di 3:2) con una densità di 267 ppi, mentre il MacBook Pro ha un Display Retina 13,3” da 2560×1600 (16:10) a 227 ppi.

Tuttavia il Pro è un portatile puro con un case unibody in alluminio con un bel logo della mela illuminato sul coperchio. Il Book è un laptop e un tablet contemporaneamente fatto in magnesio, una lega più resistente del solo alluminio. Il Muscle Wire Lock progettato da Microsoft permette di staccare lo schermo dalla parte inferiore e usarlo come un tablet a tutti gli effetti con la Surface Pen, in dotazione col computer, disegnata appositamente per scrivere, disegnare e interagire con i Surface.

Di ritorno il MacBook Pro ha un trackpad Force Touch sensibile a diverse pressioni e una vasta area cliccabile che è una gioia da usare. Volendo il Book si può tenere unito ruotando di 360 gradi la parte inferiore e, se equipaggiata, sfruttare tutta la potenza di un chip grafico NVIDIA con 1 GB di memoria dedicata GDDR5.

Quest’ultima merita una trattazione più approfondita. Il MacBook Pro non ha una GPU dedicata, ma usa un’Intel Iris 6100 integrata nel processore. Anche se si può considerare “ok” per far girare le applicazioni OpenCL largamente usate in OS X, non è nulla di speciale a dire il vero. Il Surface Book più economico non fa eccezione con una HD Graphics integrata, ma le varianti di più alta fascia sono dotate di un chip grafico discreto NVIDIA.

Va fatto notare che OS X ha solo OpenGL come API grafica (più di recente Metal con El Capitan), mentre Microsoft supporta OpenGL e il proprietario DirectX, che tende ad essere più performante del primo. Microsoft sostiene che il Surface Book è il doppio più veloce del MacBook Pro 13” Retina: nonostante ciò non sia del tutto vero per quanto riguarda il processore, stando ai benchmark condotti da PCWorld, nelle operazione grafiche intensive la dGPU NVIDIA è ben al di sopra della Iris che non regge il confronto. Allo stesso preset grafico Tomb Raider (2013), disponibile sia per OS X sia per Windows, sul Surface Book ha fatto segnare 74 FPS in opposizione ai soli 24 FPS del MacBook Pro, non sufficienti per una esperienza di gioco fluida. Ad onor del vero il gioco è stato sviluppato in origine per DirectX e solo in seguito portato sul Mac da Feral Interactive: in altre parole anche se i due computer avessero avuto il medesimo hardware Windows sarebbe stato sempre un passo avanti. Tuttavia, 50 FPS di distacco sono una differenza non attribuibile alla sola ottimizzazione software.

Quelli di voi che hanno una buona memoria ricorderanno sicuramente la campagna pubblicitaria Get a Mac andata in onda tra il 2006 e 2009, che metteva a confronto due personificazioni del PC e del Mac per mettere in risalto le qualità della piattaforma Apple. Il Surface Book vuole lasciare un segno, al punto che Microsoft ha messo su un sito, in inglese, Making the switch: MacBook to Microsoft Surface Book per aiutare gli utenti a passare dal Mac al Surface Book.

Un Surface Book acceso e ben visibile in primo piano fa da contrasto a un MacBook Air con un tocco inatteso: è il primissimo modello del 2008 come si può notare dai pulsanti sotto il trackpad, lo slot laterale che ospitava le porte I/O e la cerniera che permette di alzare lo schermo. È il portatile che Steve Jobs ha presentato come un rivoluzionario passo avanti nell’industria dei computer portatili. Il gap generazionale volontario tra i due è ben evidente e anche molto ben orchestrato. Sul sito si può leggere una guida comprensiva su come muoversi dopo lo switch: primi passi con Windows 10, abbreviazioni da tastiera e addirittura come continuare ad usare iPhone, iTunes e iCloud come se nulla fosse accaduto.

Per quanto riguarda il prezzo? Non ci sono prezzi in euro al momento per il Surface Book, quindi ci atterremo ai dollari. Il MacBook Pro 13” parte da 1,299$, il Book a 1,499$. Al pari della configurazione, il Surface è leggermente più costoso, raggiungendo il suo massimo con 1 TB di flash PCIe, Core i7, 16 GB di RAM e dGPU NVIDIA a 3,199$, mentre il Pro può arrivare a costare fino a 2,699$. Come già sappiamo, non è equipaggiato con una GPU egualmente potente, ma va fatto notare che i modelli base del Surface si affidano ad un chip integrato Intel HD Graphics, se e quando la dGPU non è in uso. In questo caso i ruoli s’invertono e il MacBook Pro 13” passa in testa sulla grafica nelle fasce di prezzo più basse.

Scegliere fra i due non è facile. Oltre a valutare le proprie preferenze sul sistema operativo, vanno tenute in considerazione una serie di fattori che non è detto siano quantificabili per un confronto diretto. Un’osservazione d’obbligo è che il Pro Retina 13” a fasce di prezzo più basse è effettivamente dotato di un comparto hardware superiore, oltre ad essere in linea per un aggiornamento ad inizio 2016. A meno di necessità software specifiche, il Surface Book sprovvisto di dGPU sarebbe una scelta sconsigliata. La differenza di prezzo può diventare considerevole e il solo form factor inedito può non essere più abbastanza da giustificarne l’acquisto. È quando equipaggiato con il chip grafico NVIDIA che le cose si fanno interessanti.

Advertisements

Tags: , , , ,

%d bloggers like this: