Advertisements

Apple WWDC 2015 roundup: improving the fundamentals of OS X and iOS, watchOS 2 and Apple Music

During this week Apple has showed off the upcoming versions of OS X El Capitan and iOS 9,  alongside Apple Music on which we’ll come back later.

OS X El Captain head

As far as it goes for El Capitan, it’s based on the precedent release of Yosemite, which brought in all the UI updates that we have since last year. Indeed, El Capitan is actually a mountain that’s found inside Yosemite National Park in California.

Refinements span throughout the whole system: from entire apps like Notes, to the details like the new font San Francisco, made especially for Retina displays or the trackpad shaking to reveal where the pointer is. Mission Control and Exposé have been greatly improved, while reducing at the same time the number of steps needed to sort out the desktop. With a simple swipe you can see what’s going on your Mac, and pull one or even two apps full screen side-by-side.

Schermata 2015-06-10 alle 21.29.12

OS X El Capitan’s all new Mission Control

Spotlight now is a window in its own right, that can be dragged and resized freely. Instead of simply looking up for files scattered throughout directories, it’s able to look up the web for stocks, sports, weather, news and so on. It’s also smart and able to understand even queries that are not made by keywords alone: things like “Show me pictures I’ve taken on November 2013”.

Schermata 2015-06-10 alle 21.28.56

OS X’s El Capitan Spotlight

Mail has been integrated with trackpad’s multi touch gestures to, much like how you’d do on an iPad or iPhone, while Notes does way more than simply jotting down a few paragraphs. You can drag pictures, links from Safari, formatted text, inline web pages, sketches, docs: it has got you covered on everything. Safari in the end gets one of the features that we first saw on Google Chrome, and that is to detect tabs that are producing potentially unwanted sounds and allow the user to shut them down faster. The most frequently visited sites can be pinned on the left of the tab bar for an immediate and easy access every time you get back to them.

What’s even more groundbreaking in El Capitan however is under the hood: the Metal framework, first released with iOS 8, has been deeply integrated in the new OS X release to allow developers to push the upper limits of Mac’s GPUs even further and with less effort. Additionally, compared to Yosemite and precedent releases, El Captain is way faster and more lightweight.

iOS 9 on iPhone 6 and iPad Air

iOS 9 on iPhone 6 and iPad Air

Now, to iOS 9. Again one of the goals was to improve what we had already. The font was changed to San Francisco, the same used on El Capitan that replaced Helvetica Neue; the keyboard is now made of lowercase letters if the Caps Lock is not being used; the Recent Contacts panel that was found in the multitasking is, finally, gone. In addition to the respective improvements to already existing apps like Notes, iOS 9 introduced the News app that groups together several news sources, in order to not be forced to zap between many apps to discover what’s trending around.

However, Siri’s under the lights on this one. During the years it was made faster and more reliable, reducing the detection errors percentage from 40% to a staggering 5%. It’s indeed an awesome mark, but Apple went beyond simple numbers. Siri is now made to be proactive. Similarly to what iOS already does with regulating itself to not be intrusive during update processes, Siri learns your routine, analyzes what you’re doing and acts based on those information. For example, if you’re reading a message, you can ask to “remind me about this when I get home”: there you have a location-based reminder that’s created automatically upon what you’re reading. Another one: if it detects that you’re about to start your workout session, it immediately starts a vigorous song as soon as you plug in the headphones. Guess what, these are just a couple of examples among many, as a complete list could keep going for a long time.

Like El Capitan, iOS 9 doesn’t simply introduce new features. It’s also made to speed up the device being and lightweight OS in its own right, to great pleasure of old devices like the iPhone 4S, the last one in the line of iPhone models that are scheduled to be able to download iOS 9 this fall. A new mode called Low Power mode can be manually activated if the battery’s running short, instead of zapping through settings to trigger switches to prevent automatic shutdown. This way, the device can get to have up to three hours more of battery life.

iPad while using Multitasking

iPad while using Multitasking

At last, a special treat is in the pipeline for the most recent iPad owners, which will get access to a true multitasking experience, by being able to put side-by-side two apps and use them simultaneously, much like El Captain will do with its revamped Mission Control. Indeed iPhone apps can be adapted to be extended to fit the iPad’s height in landscape mode, while keeping intact most of the original UI. Or, even better, keep watching a video that plays on a corner of the screen while you do something else.

Finally we see the watchOS 2, the first major update meant for the Apple Watch that brings several long-awaited features for both users and developers, like accessing to the various sensors and setting up the micro widgets to further expand the base functionalities that have been set up by Apple.

Is that all? No it’s not. Tim Cook while on stage used the legendary “One more thing” to reveal Apple Music, the new music streaming service from Cupertino. After the acquisition of Beats and the failed social network Ping (from 2010 to 2012), Apple had to do something after iTunes Radio that didn’t have the expected success. Apple Music starts from your library, which quickly extends to an online catalog that can be streamed and listened to on the go, eventually based on what you usually listen to. Even if iTunes Store has an extreme number of songs to choose from, it’s not something new. Spotify and Deezer do that since a long time and are well established in the market. Truth to be told, Apple Music arrives in a market that’s already high on competitors. Then we have a Beats 1, a worldwide radio broadcasted with Apple’s best music that’s on 24/7 all the times. A Connect tab, which works much like a social network, aiming to put together artists and fans. For Apple though music has a price, and this makes no exceptions. Pricing will start with a subscribing plan of 10$ per month after three free months, and an Android app is on its way, indicating how Apple Music does not want to be a closed ecosystem.

Now we just need to sit back, enjoy the summer and wait for this fall to see El Capitan and iOS 9 in action, probably alongside the new generation of iPhones.

Images | Apple


In Italiano

Durante il corso di questa settimana Apple ha annunciato le nuove versioni di OS X El Capitan e iOS 9, in concomitanza con Apple Music e watchOS 2, sui quali torneremo più avanti.

El Capitan è basato su Yosemite, il quale ha portato tutti aggiornamenti all’UI che abbiamo sin dall’anno scorso. Infatti, El Capitan è, in effetti, una montagna che si trova all’interno dello Yosemite National Park in California.

I miglioramenti spaziano per tutto il sistema: da applicazioni intere come Note, fin nei più piccoli dettagli come il nuovo font proprietario San Francisco realizzato appositamente per gli schermi Retina, o lo shake del trackpad per rivelare la posizione del mouse. Mission Control ed Exposé sono stati notevolmente migliorati, riducendo al contempo lo sforzo necessario per riorganizzare il desktop. Con un semplice gesto è possibile vedere tutto quello che succede sul Mac e portare non solo una, ma ben due app fianco a fianco a schermo intero simultaneamente.

Spotlight è ora una finestra a se stante che può essere trascinata e ridimensionata a piacere. Invece che ricercare semplicemente dei file sparsi nelle cartelle del computer, è capace di cercare sul web informazioni sulla borsa, sport, meteo, notizie e di capire un linguaggio più umano, non fatto solo da parole chiave. Frasi del tipo “Mostrami le foto scattate a Novembre 2013” saranno pienamente comprensibili.

Mail è stato integrato con numerosi gesti multi touch del trackpad, molto simili a quelli già presenti su iPad e iPhone, mentre Note fa molto più dello scrivere qualche paragrafo: si possono trascinare immagini, link di Safari, testo formattato, pagine web, disegni veloci e addirittura documenti: in pratica siete coperti su tutto.

Safari di per sé riceve una delle funzionalità già introdotte da Google Chrome, cioè la capacità di individuare i pannelli che producono suoni potenzialmente fastidiosi, segnalandoli per una rapida chiusura da parte dell’utente. I siti web più visitati possono essere pinnati permanentemente a sinistra della barra dei pannelli per un accesso facile ed istantaneo.

Quel che è ancor più innovativo in El Capitan risiede nelle fondamenta: il framework Metal, rilasciato per la prima volta con iOS 8, è stato pienamente integrato nel nuovo OS X per permettere agli sviluppatori di spingere ancor più i limiti delle GPU dei Mac, con minore sforzo e migliori risultati. In aggiunta, rispetto a Yosemite e precedenti, El Capitan è nettamente più leggero, rapido e reattivo.

Per quanto riguarda iOS 9, ancora una volta l’idea principale era migliorare i dettagli del sistema operativo. Anche qui il font cambia da Helvetica Neue al nuovissimo San Francisco, lo stesso usato da El Capitan; la tastiera è ora fatta di lettere minuscole, fuorché il Blocco Maiuscole non sia attivo, per evitare confusione; il pannello Contatti Recenti posto sopra il multitasking è, finalmente, sparito. Oltre i miglioramenti apportati ad app già esistenti come Note, iOS 9 ha introdotto una nuova app News, la quale raggruppa numerose fonti notiziarie in una unico posto in base ai propri interessi, col fine di minimizzare l’andirivieni tra più app col solo scopo di rimanere aggiornati.

Tuttavia, è Siri sotto i riflettori con iOS 9. Nel corso degli anni è stata resa più veloce e affidabile, riducendo la percentuale degli errori di riconoscimento dal 40% ad un sorprendente 5%. Si tratta in effetti di un grande traguardo che non ha rivali, ma Apple si è spinta oltre semplici numeri. Siri ora è proattiva. Similmente a ciò che iOS fa già nel regolarsi automaticamente nell’installazione di aggiornamenti, Siri impara la nostra routine, analizza quello che facciamo e si regola di conseguenza.

Per esempio, se state leggendo un messaggio, potete chiedere a Siri “ricordarmi di questo quando arrivo a casa”: ecco creato un promemoria geo-localizzato basato sul messaggio in questione. Un altro: se recepisce che state per iniziare la vostra solita sessione di palestra, come attaccate il jack delle cuffie parte al volo un brano vigoroso per darvi energia. E questi sono solo due esempi fra tanti: una lista completa potrebbe protrarsi per molto tempo.

Così come El Capitan, iOS 9 non introduce solamente nuove funzionalità. È stato creato per velocizzare il dispositivo, essendo un sistema operativo leggero, ciò a grande beneficio di dispositivi più vecchi come l’iPhone 4S, l’ultima delle generazioni che potranno installare l’aggiornamento quest’autunno. Una nuova modalità di Risparmio Energetico può essere attivata a piacere se la batteria rischia di esalare l’ultimo respiro, invece di navigare nelle Impostazioni in fretta e furia spegnendo degli interruttori, a volte sconosciuti, nel tentativo di impedire lo spegnimento automatico. In questo modo, il dispositivo può arrivare ad avere fino a tre ore in più di carica del normale.

Infine c’è un dettaglio speciale per i possessori di iPad più recenti, ovvero l’accesso ad un vero multitasking. Si potranno affiancare due app nella stessa schermata ed usarle contemporaneamente, un po’ come il Mission Control di El Capitan di cui abbiamo parlato all’inizio. Le app per iPhone infatti possono essere adattate in altezza per stare nello schermo dell’iPad, mantenendo intatta la maggior parte della UI originale in modo quasi automatico. O, ancor meglio, continuare a vedere un video in riproduzione in un angolo dello schermo mentre fate altro.

Per chiudere nel campo di sistemi operativi abbiamo watchOS 2, il primo aggiornamento di rilievo specifico per l’Apple Watch che porta numerose funzionalità attese da molto tempo sia da utenti che sviluppatori, quali l’accesso ai numerosi sensori e il settaggio dei micro widget pensati per espandere ulteriormente le funzionalità di base implementate da Apple.

Tutto qui? Non proprio. Tim Cook sul palco ha usato il leggendario “One more thing” per rivelare Apple Music, un nuovo servizio di musica in streaming di Cupertino. Dopo l’acquisizione di Beats e il fallimento del social network Ping (2010-2012), Apple doveva fare qualcosa a seguito del mancato successo sperato di iTunes Radio. Apple Music parte dalla nostra libreria musicale, per poi estendersi rapidamente in un catalogo online che può essere ascoltato in streaming dovunque, eventualmente sulla base delle proprie preferenze musicali. Anche se l’iTunes Store ha un numero sconfinato di canzoni tra cui scegliere, ci sono già dei precedenti di Apple Music: Spotify e Deezer la fanno da padrona sul mercato in questo periodo. Segue quindi Beats 1, una radio trasmessa live in tutto il mondo 24/7 sempre. Un pannello Connect funge da una sorta di social network che punta al mettere in comunicazione artisti e fan. Comunque per Apple la musica ha un prezzo, ed questi non fa eccezioni. Si partirà da un piano di abbonamento di 10$ al mese a seguito di tre gratuiti: inoltre è in arrivo un’app per Android, il che indica come Apple Music non voglia essere un ecosistema chiuso.

Ora dobbiamo solo sederci, goderci l’estate e aspettare quest’autunno per vedere El Capitan ed iOS 9 in azione, probabilmente a fianco della nuova generazione di iPhone.

Foto | Apple

Advertisements

Tags: , , , , , , ,

%d bloggers like this: