Advertisements

Apple WWDC 2013: a fresh start for everything with iOS 7, OS X Mavericks and more

With iOS 7 in the hands of Jony Ive, designer of most of the Apple products, we had to expect a complete change for iOS, which more or less remained the same as its first edition released in 2007. iOS 7 is visually different, the best representation of “minimal”.

iOS 7

iOS is based on three levels of hierarchy made visible because of translucency. The home screen now is responsive to tilting and background moves along for tridimensional effect. On top of them we have the translucent Notification Center and the brand new Control Center, allowing to toggle on ‘n off the most important settings like Airplane, WiFi, Bluetooth, Orientation Lock by opening in with a swipe from the bottom. Apps now look totally different than before with simple and concise looks among with their respective improvements.

Color scheming isn’t the only revamp in iOS 7. From OS X, comes AirDrop integration for sharing files with every Mac or device connected to the same network. Siri is more intelligent by knowing more controls like turning on specific hardware and checking results from multiple sources. Multitasking is no more just a bar hiding under the screen; Apps views are now showed up while browsing them and can be updated automatically by learning at what time of the day you usually check it. If you often use Calendar in the morning at 8, it will adapt accordingly. For remembering passwords there is the iCloud Keychain (name taken from the “respective” OS X one), by saving and encrypting email and passwords to be entered automatically when logging in somewhere.

iTunes Radio

Then there is iTunes Radio, a streaming service like Pandora packing a whole number of Stations to listen to from the best selection of tracks. The more you listen to, the better it becomes recognizing which type of music you like. Available at launch only it the U.S. for iOS, Mac, PC and Apple TV, it’s going to be free for everyone but ad-supported if not member of iTunes Match.

Finally, exclusively for iPhone 5, an iOS-equipped car can integrate with the phone to be used hands free through Siri Eyes Free.

 

OS X Mavericks

Apple says stop calling OS X with animal names with Mavericks (even if “Maverick” is related to them, nda).

Straight to the point, OS X Mavericks finally has iBooks for reading books not just on iOS. iBooks Textbooks created with Author can be used without problems, featuring noting support and flashcards for students. Maps is now a fully-fledged app with all the functionalities it had before. Calendar now presents a streamlined view and optimized inspector with continuous scrolling trough the months. Safari opens websites faster and with less power charge on CPU and learns the most visited websites and, for Twitter power users, it shows links shared by your followers to be read later. Pop-up notifications are interactive; means that if you receive a message from someone but don’t want to bother about opening the relative app, you can reply directly from the notification. Multiple displays extends the capabilities of Mission Control. Each additional monitor, even an Apple TV, has its own menu bar and completely independent from the primary one and dock appears automatically on the active one. Finder has now support of tabs, no more floating windows around the screen or scattered on multiple desktops. And, for document organization, there are Tags. Tags can be assigned to files and folders to identify their context and for search indexing around the hard disk folders.

 

Power usage

The most acclaimed feature at WWDC wasn’t one of the above, but power consumption. OS X Mavericks is said to be “power smart” for knowing how to extend battery life by reducing every, single activity that might represent a “menace” for battery life. First and foremost it’s App Nap (remember Power Nap, nda), that slows down apps that are completely hidden from others and can’t be watched at and speeding them up when needed. Safari Power Saver disables plug-ins that loads automatically when a page is loaded such as Flash Player. In the moment that you’re going to use them, just click on them to run the animation. Compressed Memory enhances performance of RAM. When the memory is filling and the Mac is running out of room for storage, OS X Mavericks frees the unused part in the background. This way we have up to 1.5x better responsiveness.

 

MacBook Air

Following the yearly release, the new generation of MacBook Air starts with better price points. The 11″ model starts from 999$ with 128GB (twice than before) and from 1199″ for the 256GB one. 13″ starts from 1099$ with 128GB and 1299$ for 256GB. Along with price cuts, they features fourth-gen Intel processors and their HD Graphics 5000 GPU. Battery jumps from 5 to 9 hours on 11″ Air and from 7 to 12 hours on 13″ one and SSD is 2x faster.

 

Mac Pro

Mac Pro is probably the most controversial Apple computer. With everyone convinced about upcoming “layoff”, it has been launched in style said to be ready in the near future. All we know about it is cylindric shape, workstation graphics with dual GPUs, PCI Express-based flash storage, high-performance Thunderbolt 2, new-generation Xeon processors, ultrafast memory, and support for 4K video for extreme, over-the-top performance.

_____________________________________

In Italiano

Con iOS 7 nelle mani di Jony Ive, designer di molti prodotti Apple, ci dovevamo aspettare un completo cambiamento per iOS, che è rimasto circa lo stesso dalla prima versione nel 2007. iOS 7 è visualmente differente, nella migliore rappresentazione della parola “minimale”.

 

iOS 7

iOS 7 è basato su tre livelli gerarchici resi visibili mediante la trasparenza. La schermata home ora risponde all’inclinazione del dispositivo assieme allo sfondo per creare un effetto tridimensionale. Al “livello” superiore troviamo il Centro Notifiche e il nuovo Centro di Controllo, che permette di accendere o spegnere le impostazioni più importanti come Aereo, WiFi, Bluetooth, Orientamento verticale richiamandolo con uno swipe dal basso. Le applicazioni integrate ora sono completamente differenti con un look semplice e conciso assieme ai rispettivi miglioramenti minori.

Lo schema di colori non è l’unico cambiamento in iOS 7. Da OS X, arriva l’integrazione con AirDrop per la condivisione di file con ogni Mac e dispositivo connesso allo stesso network. Siri è più intelligente conoscendo più comandi vocali come accendere un hardware specifico e controllare i risultati da più risorse. Il multitasking ora non è più barra nascosta sotto lo schermo; anche le viste delle singole applicazioni sono mostrate quando si naviga tra di esse. Possono essere aggiornate automaticamente ad un determinato orario poiché il multitasking capisce a che ora l’applicazione è controllata più spesso. Per esempio, se si usa spesso il Calendario la mattina alle 9, si adatterà di conseguenza. Per ricordare le password c’è il Portachiavi di iCloud (il nome è preso dall’app corrispettiva di OS X), salvando e crittografando email e password da inserire automaticamente quando si esegue l’accesso ad un sito web.

Troviamo quindi iTunes Radio, un servizio di streaming musicale come Pandora dotata di un completo set di Stazioni da cui ascoltare la migliore selezione di brani. Man mano che si ascoltano, iTunes Radio, migliore sarà il riconoscimento dei nostri generi musicali preferiti. Disponibile al lancio solo in U.S. per iOS, Mac, PC, Apple TV sarà gratuito per tutti con supporto pubblicitario se non membri di iTunes Match.

Infine, esclusivamente per iPhone 5, automobili dotate di supporto per iOS 7 s’integreranno con Siri Hands Free per il controllo vocale al volante.

 

OS X Mavericks

Diretti al punto, OS X Mavericks ha finalmente supporto per iBooks per leggere non solo su iOS; stessa cosa per i Textbook creati con Author pienamente compatibili con le note create dagli studenti e le flashcards. Introdotta anche Maps per la prima volta, ora un’applicazione a parte con le stesse capacità della rispettiva per iOS. Il Calendario presenta una vista più razionalizzata e semplice e un ispettore degli eventi più efficace. Safari apre i siti web con un minor carico di lavoro per la CPU, memorizza quelli più visitati e, per gli utenti Twitter hardcore, mostra i link condivisi dai propri follower per una lettura successiva. Le notifiche del Centro Notifiche sono interattive; ciò significa che se si riceve un’email, si può rispondere al volo direttamente dalla notifica. Display multipli estendono le funzionalità di Mission Control. Ogni monitor addizionale collegato, addirittura un’Apple TV, ha una sua barra dei menu indipendente ed il dock si muove automaticamente su quello attivo. Il Finder supporta la navigazione a pannelli, mettendo fine a finestre disperse tra più scrivanie o ridotte a icona. Infine, per l’organizzazione di documenti ora ci sono i Tag. I Tags possono essere assegnati a documenti e cartelle per identificarne il contesto e per la ricerca Spotlight.

Risparmio energetico

La novità più importante introdotta dal WWDC non era una di quelle sopra menzionate, bensì il risparmio energetico. OS X Mavericks si dice essere “intelligente” sapendo come estendere la durata della batteria riducendo ogni singola attività che risulti una “minaccia” per la batteria.

Prima di tutto c’è App Nap (ricordate Power Nap?, nda), che riduce l’uso di risorse di applicazioni completamente nascoste da altre e velocizzandole quando necessario. Safari Power Saver disattiva i plug-in che si caricano automaticamente quando si visita una pagina web come Flash Player, attivandosi solo se richiesto dall’utente cliccandovi sopra. Compressed Memory infine ottimizza l’uso della RAM, comprimendo la memoria inutilizzata quando inizia a riempirsi, ottenendo una reattività dell’1.5x migliore.

 

MacBook Air

Seguendo la cadenza annuale, la nuova generazione di MacBook Air inizia con prezzi più bassi. Si parte con il modello 11″ da 999$ con 128GB (il doppio di prima) e da 1199″ per quello da 256GB. Il 13″ è disponibile da 1099$ con 128GB e 1299$ con 256GB. Assieme ai tagli di prezzi, i MacBook Air dispongono della quarta generazione di processori Intel, la rispettiva GPU HD Graphics 5000 e SSD il doppio più veloce. La batteria subisce un notevole miglioramento da 5 a 9 ore per il modello 11″ e da 7 a 12 ore per il 13″.

 

Mac Pro

Il Mac Pro è probabilmente il computer Apple più controverso di sempre. In molti convinti di un imminente “licenziamento”, è stato rilanciato in grande stile promettendo di essere pronto nel prossimo futuro. Tutto ciò che sappiamo è la forma cilindrica, doppia GPU da workstation ATi, PCI Express basata su SSD, Thunderbolt 2 ad alte prestazioni, nuova generazione di processori Xeon, memoria ultraveloce e supporto a monitor 4K per prestazioni oltre il limite.

Advertisements

Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

%d bloggers like this: