Advertisements

What are Facebook Pokes and how to use the new app

No one ever used Facebook Pokes, neither were interested in learning about them. Technically, you send a Poke to a person which is not your friend on Facebook when you want to see it’s profile for a few days. If you send one to one who is already your friend, you’re actually greeting him.

These Pokes on my side were totally useless, because if I want to see someones profile I just  send a friend request; when it comes to say “hello”, there is the chat. So what’s wrong about them? Nothing, is just that they’re almost unknown.

Facebook launched a third app called “Facebook Pokes”, which does another type of work. For example, you want to send a nice photo to your friend, but at the same time don’t want him to share again with the world, because he will have only a limited time to see it. Then, it will automatically disappear. That’s right, it will self-destruct. You can choose between a Message, Picture or a Video and then make it available privately (?) to one of your contact.

Because Pokes will have life for only few seconds, the app doesn’t support the landscape orientation. Though for concentrating the attention of the recipient, you can add some drawings to your picture as well.

At this point you would say “there is the Home+Sleep Button, I can save it on the Camera Roll!”. Yes, but the sender will be informed with a flashing icon on your name, so he will know what you did.

Facebook Poke is available on the App Store for free, you can download it from here and start poking.

In Italiano

Quasi nessuno ha mai usato i Poke di Facebook, e forse nemmeno era interessato a sapere cosa fossero. Tecnicamente, quando mandate un poke ad una persona è per vedere il suo profilo per un periodo limitato; se questa invece era già nel vostro elenco contatti, allora un poke era come mandare un saluto.

I Poke dalla mia parte erano totalmente inutili, in quanto se volevo vedere il profilo di qualcuno mandavo semplicemente una richiesta di amicizia. Se volevo salutare per quello c’era la chat. Quindi cosa non andava bene su di essi? Niente, è solo che erano quasi sconosciuti ad un utente medio.

Facebook ha lanciato quindi una terza app, chiamata Facebook Poke, che svolge un’altro tipo di lavoro. Per esempio, volete inviare una foto ad un vostro amico, ma allo stesso tempo non volete che possa condividerlo con il mondo, poiché avrà solo un periodo limitato di tempo per vederlo. Dopodiché, esso scomparirà. Esattamente, si autodistruggeranno. Potete scegliere se inviare messaggi, Immagini o Video per renderli disponibili privatamente (?) ad un contatto.

Dal momento che i Poke hanno vita solo per pochi secondi, l’applicazione non supporta l’orientamento in landscape. Tuttavia si possono aggiungere dei disegni alle immagini per concentrare l’attenzione del destinatario.

A questo punto vi direte “c’è il pulsante Home+Stand-by, posso salvare l’immagine nel Rullino Foto!”. Si, potete, ma il mittente sarà informato a riguardo con una icona lampeggiante di fianco al vostro nome, quindi sapranno quello che avete fatto.

Facebook Poke è disponibile sull’App Store, e può essere scaricata da qui.

Advertisements

Tags: , , , , ,

%d bloggers like this: