Advertisements

Tumblr vs WordPress: Quale scegliere?

Due piattaforme molto diffuse per il blogging sono WordPress e Tumblr. Ammetto che anche io ho avuto delle indecisioni quando decisi di aprire il blog. Alla fine la mia scelta è ricaduta su WordPress, ma non è questo il punto.

Target diversi
WordPress è considerata la piattaforma di blogging per eccellenza anche per coloro che non sanno nulla di linguaggi markup come HTML, in modo da creare un sito che sia facile da gestire e allo stesso tempo piacevole da guardare.
Le differenze principali tra i due è che Tumblr risulta più facile da usare e mirato alla pubblicazione immediata. Per intenderci, un esempio lampante è che Tumblr non supporta i commenti, anche se alcuni temi possono implementarli attraverso delle modifiche al codice sorgente.
WordPress risulta invece più complesso nell’utilizzo, cosa che si traduce in un controllo maggiore del blog, come l’aggiunta di sondaggi. Alcuni temi addirittura (esempio, quello in uso qui su WW) hanno la funzione showcase, ovvero una pagina statica che al posto di mostrare solo un elenco di articoli da la possibilità di mettere in evidenza quelli considerati più importanti.

Modi d’uso
I tumblelog (termine usato per indicare un blog creato con Tumblr) hanno difficilmente dei post chilometrici. Molto spesso si scrivono due righe di numero e nemmeno mettendo il titolo. Tumblr ha un “non-so-che” di personale, che da una idea di diario digitale. Con due clic puoi pubblicare una citazione, un video, una foto, un link, un dialogo e una traccia audio (il bello è che si integra con Spotify e SoundCloud, così non dobbiamo nemmeno caricarlo noi). La semplicità dei tumblelog non risiede solo nei post, ma anche nei temi, che sono minimali all’ennesima potenza. Il motto di Tumblr? “Segui i tuoi interessi”.
I blog su WP (non hanno un nome specifico) invece puntano più all’informazione che alla notizia. Mi spiego, non troverete mai un post che abbia meno di cinque righe su un blog creato con WP, e nemmeno una sorta di diario personale in cui vengono pubblicati i contenuti più disparati.
Ora, per fare chiarezza, guardate le due dashboard rispettivamente di Tumblr e WordPress:

20120715-114109.jpg

20120715-114146.jpg

Prezzi
Altro punto importante, i prezzi. Tumblr è completamente gratuito, e offre un dominio gratis di questo genere:

ilmioblog.tumblr.com

WP non fa eccezione:

ilmioblog.wordpress.com

Per avere un dominio personalizzato su Tumblr si deve acquistare un dominio da un provider esterno, cambiare dei valori e fare in modo che puntino ai server di Tumblr, cosa che non risulterebbe molto facile ai non esperti. Esistono inoltre i temi premium a pagamento e la possibilità di mettere in evidenza i propri post sulle bacheche altrui per qualche dollaro.
WP invece ha numerose opzioni aggintive oltre a quelle di base, come il Custom Design, che permette di agire sui font e il CSS, e da qualche giorno anche sui colori, anche se non supportati ancora su tutti i temi.
Altri ancora sono il dominio personalizzato, più spazio di archiviazione (abbinato alla possibilità di caricare file audio), VideoPress ecc.

Conclusioni
Detto semplicemente: se avete intenzione di aprire un blog personale e di seguirne altri allora puntate su Tumblr, se invece ne volete uno che sia completo e ricco (tipo un blog di news) meglio andare su WP. Ah, ho detto che ho il mio tumblelog?

Advertisements

Tags: , ,

%d bloggers like this: