Advertisements

Google Currents vs Flipboard, una sfida (sempre) aperta

Google Currents è stato rilasciato qualche mese fa al pubblico, anche se disponibile solo negli Stati Uniti fino a qulche giorno fa anche in Italia, dove è stato reso disponibile anche per iPhone e iPad, mentre per Android bastava avere il file dell’app per poterla caricare sul proprio dispositivo.

Google Currents si può definire tranquillamente il concorrente diretto di Flipboard, applicazione che ha avuto un enorme successo al pubblico prima all’utenza iPad, e successivamente anche a quella iPhone.

Sia Currents che Flipboard si basano sul concetto di un “giornale” personalizzato in formato digitale. Infatti basta indicare da quali fonti desideriamo ricevere le notizie in tempo reale per vedere tutti gli ultimi aggiornamenti a portata di touch.

 

Confronto diretto

Entrambe le applicazioni si presentano in un modo simile. Per questo tutorial useremo le immagini prese da un iPad per non creare eccessiva confusione comparandole anche sul piano di uno schermo da 3 pollici e mezzo.

  

Entrambe le applicazioni permettono all’utente di sincronizzare le proprie sottoscrizioni tra i diversi dispositivi. Currents permette di farlo semplicemente utilizzando l’account Google in proprio possesso, mentre Flipboard necessita la creazione di un account apposito, anche se i risultati che si ottengono sono gli stessi. Un punto a favore di Currents potrebbe essere dato dal fatto che supporta l’integrazione con Google Reader per poter ricevere gli aggiornamenti dai nostri feed RSS che si possono leggere su un qualsiasi computer, anche se Flipboard permette di vedere le notizie di Reader allo stesso modo semplicemente loggandosi con l’account di Google.

Lasciando adesso la parte tecnica delle due applicazioni, passiamo alla fruizione dei contenuti. Onestamente, ho trovato più immediato da utilizzare Flipboard, grazie anche alla funzione Cover Stories, che mostra elegantemente quelle che secondo l’applicazione sono i contenuti che più ci interessano, mentre su Currents c’è solo uno slider con le foto delle ultime notizie. Ancora un punto a favore per Flipboard è la possibilità di aggiungere come fonti diversi social network, cosa che con Currents è impossibile, se non al massimo il poter condividere ciò che leggiamo su più servizi. In particolare Flipboard supporta Facebook, Twitter, Google Reader, 500px, LinkedIn, Tumblr, Flickr, Sina Weibo e Renren. Grazie a questa integrazione possiamo anche aggiornare il nostro status con l’apposito pulsante nell’angolo in basso a destra mentre sfogliamo le notizie.

Tirando le somme, per adesso preferisco usare Flipboard, anche se devo ammettere che Google è riuscita a fare un buon lavoro. Il motivo della mia decisione? Flipboard è più social.

Advertisements

Tags: , , ,

%d bloggers like this: