Advertisements

Riflessione personale sull’iPhone e il suo successo

Nel 2007 è stato presentato il primo modello di iPhone, che ha segnato una svolta nella storia di Apple. Fino ad oggi sono stati presentati un totale di 4,5 generazioni, visto che il 4S è un evoluzione del 4. In questi quattro anni circa l’iPhone ha cominciato a scalare le classifiche raggiungendo molte volte il primo posto nella nostra lista dei desideri. La domanda che mi è sorta è “Perché l’iPhone e non magari uno smartphone Android?”. Diciamo che si tratta anche di una questione di marca, perché spesso Apple è abbinata a frasi del tipo “sono figo perché ho un iDevice con una mela”, e purtroppo ancora molti lo pensano, soprattutto i fan “convinti”.

Secondo me il motivo della fama dell’iPhone è un altro (anche se quest’ultimo ha un peso non indifferente). Anzi, tre motivi.

Il primo è il comparto applicazioni, sull’App Store ci sono applicazioni per chiunque. Dal 2008 in cui è stato aperto, si è riempito di app: dai giochi al lavoro, dalla produttività ai social network, per cui la citazione “There’s an app for that” è valida, con un tasso di download da far rabbrividire.

Il secondo motivo è l’OS, che si rivela intuitivo all’utente e piacevole da usare, e una sicurezza veramente inattaccabile, che lo rende immune dai virus sulla base di OS X, in cui tutto è controllato, anche le azioni dell’utente su cui spesso le restrizioni si rivelano troppo limitative.

Il terzo motivo invece è l’integrazione, che ha raggiunto un livello ancora più elevato con l’introduzione di iCloud, ma non solo per quanto riguarda il cloud sync, ma anche per come operano le app tra di loro. Per esempio possiamo ricevere un messaggio con un file di testo, lo apriamo con un’applicazione a nostra scelta, lo modifichiamo e lo salviamo su Dropbox per un uso futuro ecc.

L’unica nota negativa nei confronti dell’iPhone è però la personalizzazione. Per me va bene che l’OS sia chiuso per garantire la massima protezione, ma spesso è troppo limitativo, fiorellino all’occhiello il Bluetooth che non permette lo scambio di file, se non tramite procedure come il jailbreak.

Adesso chiedo a voi: siete d’accordo?

Advertisements
%d bloggers like this: