Advertisements

Vulnerabilità nella tecnologia GSM

Oggi la Research Labs ha annunciato di aver trovato una grande vulnerabilità nella rete GSM utilizzata dai cellulari per effettuare le chiamate, che se sfruttata permetterebbe il controllo di milioni di cellulari per inviare messaggi e effettuare chiamate verso servizi a pagamento senza che l’utente se ne possa accorgere. L’annuncio proviene da Karsten Nohl, responsabile della Research Labs tedesca pèer poi essere diffusa da Reuters.

A causa di ciò non ha potuto presentare i dettagli della scoperta, ma ha dichiarato che i malintenzionati, visto l’incredibile guadagno che potrebbero ottenere, riuscirebbero a realizzare il codice necessario nel giro di poche settimane e in un sol colpo attaccare milioni di cellulari. Ad oggi infatti la tecnologia GSM è alla base dell’80% delle reti cellulari nel mondo.

Durante il suo intervento in occasione di una conferenza a Berlino sull’hacking, Nohl presenterà i risultati delle ricerche condotte su 32 operatori telefonici in 11 paesi, compresa l’Italia. Secondo gli studi gli operatori più sicuri sarebbero T-Mobile in Germania e SFR in Francia, mentre in Italia in ordine sono TIM, Vodafone e Wind. In generale però Nohl ha asserito che nessuno degli presi in esame ha un sufficiente livello di sicurezza.

È interessante notare però che secondo Nohl i network mobile sono di gran lunga la parte più debole dell’ecosistema cellulare, anche rispetto ai numerosi dispositivi Android e iOS attaccati e che la sicurezza per gli utenti potrebbe essere sensibilmente migliorata semplicemente se gli operatori mobile aggiornassero i propri software.

I risultati ottenuti fino ad ora sono disponibili sul sito gsmmap.org

Advertisements
%d bloggers like this: